Un anziano di 80 anni è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Guastalla, in provincia di Reggio Emilia, con l’accusa di atti sessuali compiuti ai danni di una bambina di meno di 6 anni. Secondo quanto accertato dai militari l’uomo, peraltro con precedenti specifici, si trovava all’interno di un bar dove era presente anche la piccola, intenta a fare dei disegni che poi mostrava ai presenti. Approfittando di questa circostanza l’anziano avrebbe preso in braccio la bambina toccandola nelle parti intime. Una scena vista anche da altri clienti, uno dei quali ha richiamato l’anziano che, negando l’evidenza, ha lasciato la bambina allontanandosi.

L’episodio è stato quindi raccontato ai genitori che si sono subito presentati in caserma denunciando ai Carabinieri l’anziano. I militari hanno quindi identificato l’uomo, nei confronti del quale hanno acquisito elementi di responsabilità in ordine al reato di atti sessuali compiuti ai danni di una minorenne. La Procura reggiana ha chiesto ed ottenuto dal Tribunale di Reggio Emilia un provvedimento restrittivo di natura cautelare che l’altro pomeriggio è stato eseguito dai Carabinieri che hanno arrestato l’80enne, ristretto in regime di arresti domiciliari.

Tra l’altro i militari hanno scoperto che nel 2012 era divenuta esecutiva la condanna nei confronti dello stesso 80enne a 3 anni, 5 mesi e 24 giorni di reclusione per un analogo reato. In quel caso la violenza, risalente al 2006, era avvenuta all’interno della cerchia più vicina alla famiglia. L’uomo era all’epoca dei fatti un amico di famiglia, più precisamente il marito di un’amica della mamma della piccola. La bambina veniva spesso affidata alla coppia e l’uomo la molestava e palpeggiava. La bambina trovò poi il coraggio di parlare e denunciare l’anziano. (ADN Kronos)

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata