Si è messo a gridare ‘Allah akbar’ su un treno regionale Bologna-Venezia, scatenando il panico fra i viaggiatori che hanno dato l’allarme ai Carabinieri. L’uomo – un 38enne marocchino – è stato poi rintracciato dagli stessi militari nei pressi della stazione ferroviaria di San Pietro in Casale, dove era sceso, ed è stato denunciato per procurato allarme. Il fatto è successo ieri pomeriggio, poco dopo la partenza del convoglio da Bologna. I Carabinieri lo hanno riconosciuto grazie alla descrizione fornita dal capotreno e da altri testimoni.
Il marocchino ha confermato di aver gridato sul treno ‘Allah è grande’ in lingua araba, tentando di giustificarsi dicendo di aver pronunciato la frase in un momento di preghiera. La sua versione è stata ritenuta tuttavia poco credibile, visto che l’uomo era ubriaco quando è stato fermato.

FONTE

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata