Una task-force messicana sta lavorando per trovare Angela Celentano, scomparsa il 10 agosto 1996 sul monte Faito. La Procura di Torre Annunziata ha inviato in Messico la traduzione degli atti d’inchiesta prodotti negli ultimi sei anni. Questi documenti e il dna prelevato ai Celentano – si legge sul Mattino – sono ora a disposizione di una unità speciale messicana deputata alla ricerca delle persone scomparse.

 

E nella vicenda scende in campo persino Matteo Renzi: il presidente del Consiglio ha sollecitato le autorità d’oltreoceano ad accelerare nelle ricerche di Celeste Ruiz, la ragazza che nel 2010 dichiarò di essere Angela e di trovarsi in Messico. Le novità sono trapelate dall’incontro di ieri mattina tra i genitori di Angela Celentano, il loro avvocato Luigi Ferrandino, il procuratore oplontino Alessandro Pennasilico e l’aggiunto Pierpaolo Filippelli. Finalmente adesso sarà possibile capire se il dna della bambimba scomparsa appartiene a quello della ragazza messicana.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata