Un 33enne di San Marco in Lamis è stato arrestato dai carabinieri per detenzione illegale di armi clandestine alterate e ricettazione.
L’arresto è frutto dei controlli compiuti dalle Forze di polizia dopo l’uccisione, il 9 agosto scorso, a San Marco in Lamis, di quattro persone, tra cui due innocenti agricoltori estranei alla faida tra clan mafiosi.
Nella proprietà del 33enne i militari hanno sequestrato: una pistola a tamburo calibro 38 special, marca “Smith e Wesson” con matricola abrasa; un fucile a canne mozze calibro 12, marca Beretta; un caricatore per pistola semiautomatica cal. 7,65; un visore notturno a raggi infrarossi; una maschera, un cappello e guanti, tutti di colore scuro.
Il materiale era nascosto in un controsoffitto di legno, che è stato necessario rimuovere. Le armi saranno esaminate dal Ris per accertare se siano state utilizzate per compiere reati.

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata