“Quella mattina Marianna Fabozzi ha afferrato Fortuna per i piedi, graffiandola. L’ha sollevata e mentre la bambina cercava di liberarsi l’ha gettata via come un pezzo di carta sporca”. E’ quanto ha dichiarato al pm Raimondo Caputo, detto Titò, il presunto assassino della bimba morta nel 2014 a Caivano (Napoli). L’uomo ha accusato così la sua ex compagna del delitto, ammettendo inoltre di aver abusato della prima figlia della donna e amica del cuore di Fortuna. Secondo Caputo, la Fabozzi “ha ucciso nel 2013 il suo figlio più piccolo Antonio Giglio, anche lui caduto nel vuoto, perché secondo lei impediva la nostra convivenza. E allo stesso modo ha fatto con Fortuna perché odiava sua madre Mimma Guardato e voleva farle un dispetto. Non ho detto niente sulla morte del bambino per paura che lei mi denunciasse per le cose che facevo con la figlia più grande. Ma ora mi accusate di essere l’assassino di Fortuna. E non è vero”. Al pm, Titò rivela anche gli abusi sessuali, sempre negati nei tre anni precedenti. “Qualche volta ho toccato l’amica del cuore di Fortuna. Lo facevo e lo sapevano in casa, sia Marianna, la madre della bimba, sia la nonna Angela Angelino (denunciata per falsa testimonianza)”.

 

 

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata