Definitivamente confermata dalla Cassazione la condanna a otto mesi di reclusione (pena sospesa e non menzione) per l’ex presidente della Regione Umbria Maria Rita Lorenzetti accusata di falso ideologico, in relazione a una delibera di Giunta del 2009 che autorizzava alcune Asl ad assumere personale.
Per la vicenda, stesso provvedimento per l’ex assessore alla Sanità Maurizio Rosi e per l’ex direttore generale del settore Paolo Di Loreto, ai quali erano stati inflitti nove mesi e 15 giorni in relazione, in questo caso, a due delibere. Anche per loro le pene sono state sospese.
Nell’udienza in Cassazione il sostituto procuratore generale aveva chiesto l’annullamento della sentenza di condanna, per due capi d’imputazione senza rinvio e quindi sollecitando di fatto l’assoluzione.
Lorenzetti e gli altri imputati hanno sempre sostenuto la correttezza del loro operato. Sono stati difesi dagli avvocati Luciano Ghirga, Valeriano Tascini, David Brunelli, Lorenzo Tizzi e Manlio Morcella.

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata