Cerca di strozzare la moglie con un laccio di plastica, al culmine di una lite in cui l’aveva anche picchiata: la donna riesce a divincolarsi, scappa di casa e si rifugia nella caserma dei carabinieri. Una pattuglia va in cerca dell’aggressore, che nel frattempo ha tentato di uccidersi, ma senza riuscirci, e lo arresta.
L’ennesimo tentativo di femminicidio (il secondo in poche ore nella provincia di Macerata, dopo la donna ridotta in fin di vita dal compagno a colpi di martello) è accaduto ieri notte a Poggio San Vicino. La vittima, che non è in pericolo di vita, è una donna di 53 anni, l’aggressore ha 57 anni. La donna è stata portata nell’ospedale di Jesi, l’uomo rinchiuso in carcere.
Sembra che il litigio sia scoppiato per motivi di gelosia.

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata