Dopo il crollo del ponte della tangenziale di Fossano, “il tema dei monitoraggi diventa molto importante”: lo sottolinea all’ANSA l’assessore alle Infrastrutture e ai Trasporti della Regione Piemonte, Francesco Balocco, secondo il quale “il tema è ora creare una rete di monitoraggio sulle opere costruite con modalità analoghe a quella che ha ceduto”.
“La Regione – ricorda Balocco – non ha competenze dirette nei confronti dell’Anas, e non ha neppure più strade regionali di cui occuparsi”.
“Le risorse – aggiunge – sono scarse. Ma nel bilancio regionale di previsione 2017-19 sono stati inseriti 25 milioni, di cui 20 destinati ai Comuni e 5 alle Province, per opere urgenti e subito cantierabili, a partire proprio dalla messa in sicurezza delle strade. Entro l’anno dovremmo riuscire a sbloccare un tesoretto di 45 milioni dai fondi di sviluppo e coesione, dedicati alla sicurezza della viabilità provinciale.
Sono somme significative sebbene non sufficienti per tutto quello che servirebbe”.

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.