luca varani, omicidio, mattanza, marta gaia sebastiani, manuel foffo,  marco pratoLuca Varani, il 23enne ucciso brutalmente da Manuel Foffo e Marco Prato, era da tempo fidanzato con Marta. La ragazza, bella, giovane e ora piena di rabbia ha deciso di affidare al noto social network Facebook i suoi pensieri. Il primo post, risalente al giorno della scoperta del corpo, è carico di sofferenza: “Il dolore è praticamente immenso e indescrivibile, nonostante tutto non si può fare una fine così. Vorrei che tutti ricordassero Luca per quel ragazzo dolce e sensibile e non per quello “debole” e a volte troppo presuntuoso” scrive. Marta e Luca stavano insieme da 9 anni, una vita insieme. La stessa vita che è stata spezzata in un attimo di follia. Ma lei, Marta, non vuole ascoltare i pettegolezzi della gente, le falsità degli “amici”, vuole solo trovare risposte alle sue domande: “Non mi interessa delle dicerie, non mi interessa di niente. Lo amo e lo amerò per sempre, ma non il Luca che era con tutti, il Luca che era con me… Anzi, il mio MASCOTTINO“. E quando la notte scende, Marta non riesce a dormire “Non riesco a dormire, rileggo i nostri vecchi messaggi, ripenso alle nostre chiacchierate ed a tutto il resto […]” racconta la fidanzata di Luca. Dietro tanto dolore si nasconde tanto dispiacere per la morte di un giovane ragazzo che ha avuto solo la sfortuna di fidarsi dei suoi “amici”. Intanto anche oggi emergono particolari raccapriccianti della mattanza. Il pm Francesco Scavo prosegue le indagini e, nei prossimi giorni, sentirà gli due amici che avrebbero fatto visita a Foffo e Prato nelle ore antecedenti all’omicidio. Inoltre scatterà una vera e propria caccia al pusher che ha fornito, ai due killer, droga per un valore superiore ai 2000 euro.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.