Cinque medici sono stati condannati dal tribunale di Torino per il caso di un uomo morto di malaria nel 2010. Le pene vanno dai 10 ai 16 mesi di reclusione. Un sesto sanitario è stato assolto. Tutti all’epoca erano in servizio all’ospedale Molinette.
La vittima era un ingegnere della Goodyear. La prima diagnosi parlò di linfoma. Al processo si è ipotizzato che l’uomo, il quale non aveva mai fatto un viaggio in Paesi considerati a rischio, fu contagiato dal morso di una zanzara rimasta annidata in un carico di pneumatici provenienti dalla Nigeria. In ogni caso, sempre secondo l’accusa, i medici avrebbero potuto capire immediatamente la natura della patologia.

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata