Soldi in contanti nel cassetto del comodino per oltre 15 mila euro: a trovarli ed a sequestrarli in casa di due indagati, due funzionari infedeli dei beni culturali dell’aquila, sono stati i carabinieri del capoluogo nel corso degli perquisizioni di ieri mattina nell’ambito della nuova inchiesta della procura della Repubblica su tangenti nella ricostruzione pubblica post-terremoto 2009.
L’indagine ha portato a 10 arresti ai domiciliari, 5 interdizioni dal lavoro e 20 indagati a piede libero con le accuse, tra le altre, di corruzione e turbativa d’asta.
Ad un funzionario Mibact sono stati trovati circa 5.500 euro, all’altro circa 8.800 euro. Per gli investigatori, il materiale e’ interessante in relazione all’indagine: ora spetterà agli indagati l’onere di dimostrare la provenienza di quelle somme.

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata