MELZO (MILANO) Manuel Buzzini, 31 anni, è stato trovato morto in casa: si tratta di un suicidio. L’uomo si è impiccato. Non è chiaro il motivo della drastica decisione, ma un indizio c’è: la sua fidanzata, la 21enne Sara Luciani, è misteriosamente sparita. Secondo una prima ricostruzione il giovane è uscito di casa insieme alla fidanzata in auto la sera precedente al ritrovamento del cadavere, ma poi è tornato da solo e con i vestiti bagnati. Nel pomeriggio di ieri è stato recuperato nel canale Muzza, vicino la centrale idroelettrica di Paullo, il paraurti della Golf di proprietà della coppia. Ma cosa è successo davvero?

Sono due le ipotesi al vaglio degli investigatori: potrebbe essere la storia di una assurda tragedia, con il ragazzo dopo che per colpa di un incidente d’auto il canale si è portato via il suo grande amore. Oppure potrebbe essere la più terribile storia di un omicidio-suicidio, una storia su cui aleggia l’ombra del femminicidio. «Un ragazzo solare, molto gentile», lo ricorda una vicina: «Stavano insieme da inizio anno. Erano molto uniti, non avrebbe mai potuto ucciderla».

E la loro, infatti, era una storia d’amore diventata esclusiva, totalizzante. La coppia aveva chiuso i rapporti con i vecchi amici e ridotto al minimo i contatti con gli altri: un guscio che serviva a proteggere la ragazza dalle sue fragilità, da quelle crisi di pianto che la colpivano così, all’improvviso e senza un motivo.

Per il momento i carabinieri non escludono nessuna delle due ipotesi, anche perché il corpo della ragazza non è ancora stato trovato, così come non è stata ritrovata l’auto, una Golf Volkswagen del 2006, intestata all’operaio 31enne. Si attendono sviluppi.

Di Sonia Russo

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.