Si fa ancora più grave la posizione dei due ragazzi, di 15 e 17 anni, fermati dai carabinieri nell’ambito dell’indagine sulla morte del 77enne, spinto dagli scogli a Monopoli. I due infatti avrebbero tentato di uccidere anche il secondo anziano e così all’accusa di omicidio volontario aggravato a scopo di rapina si è aggiunta quella di tentato omicidio e tentata rapina ai danni del 75enne Gesumino Aversa. Quest’ultimo infatti è stato anche lui spinto in mare dai due giovani aggressori, riuscendo però a salvarsi. Nei confronti dei due minorenni è stato eseguito mercoledì sera un fermo di indiziato di delitto.

Agli atti dell’inchiesta ci sono le deposizioni di alcuni testimoni che a quell’ora si trovavano nelle vicinanze, le parole dell’altro anziano scampato miracolosamente alla morte, l’esame delle immagini impresse nelle telecamere di videosorveglianza presenti in zona e l’esito dei sopralluoghi fatti sulla scogliera dove è avvenuta la tragedia dalla Sezione Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri di Bari.

Le indagini hanno quindi consentito agli investigatori in poche ore di ricostruire l’intero svolgimento dei fatti, fino a poter risalire ai volti di due giovani che, corrispondenti alle varie descrizioni dei presenti, si erano intrattenuti, poco prima dell’assalto, nello stesso bar frequentato dai due pensionati, per poi seguirli, per poter sottrarre loro i soldi che avevano nei portafogli, mentre questi si incamminavano lungo la scogliera.

Il più piccolo dei due minorenni fermati avrebbe incolpato il suo amico di aver spinto l’anziano in mare dagli scogli. Dinanzi agli investigatori i due ragazzi, di 15 e 17 anni, non hanno confessato ma agli atti c’è il contenuto di intercettazioni ambientali captate in caserma quando i due sono stati convocati per essere sentiti a sommarie informazioni per persone informate sui fatti, nelle quali, di fatto, ammettono di essere stati lì e di aver spinto gli anziani.

Ci sono le testimonianze di almeno quattro ragazzi che dichiarano di aver visto due giovanissimi spingere dalla scogliera di Monopoli i due anziani. A conferma della ricostruzione fatta dai militari ci sono anche le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza che immortalano i due minorenni entrare nello stesso bar dove i due anziani si erano recati poco prima e poi camminare sulla scogliera. Dalle immagini si vede anche che i due giovanissimi, fuggiti subito dopo aver spinto i due anziani in mare, sono poi tornati subito dopo per recuperare alcuni effetti personali che avevano lasciato sugli scogli.

 

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata