La notte fra il 17 e 18 maggio 2015 Marco Vannini, 20 anni fu raggiunto da un colpo di pistola nella casa della sua fidanzata, Martina, a Ladispoli. In questi giorni la sentenza in appello bis ha condannato Antonio Ciontoli, papà di Martina, a 14 anni di carcere e la moglie e i due figli a nove anni e quattro mesi. “Dopo più di cinque anni siamo riusciti a ottenere quella giustizia che aspettavamo“, ha commentato Marina Conte, la mamma del giovane ucciso che non si è mai arresa e ha sempre lottato per avere giustizia per suo figlio. “I Ciontoli e i loro legali – ha detto ancora – ci dicevano che avevamo sete di vendetta. Non è vero, volevamo solo giustizia. Cosa farò da domani? Inizierò a vivere il mio lutto con maggiore serenità”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.