Orge in canonica. Si attendono i risultati dell’indagine della magistratura sui presunti reati a sfondo sessuale compiuti da don Andrea Contin. Il sacerdote è stato sospeso a divinis.
L’inchiesta della Procura e’ scattata a dicembre, dopo la denuncia presentata ai Carabinieri dalla ‘prima’ amante di don Andrea. I carabinieri hanno subito effettuato un blitz in canonica, che ha portato alla scoperta di un armamentario di sex toys e dvd pornografici.
“Abbiamo maturato la certezza di sue gravi responsabilità morali – ha dichiarato Monsignor Claudio Cipolla – Si tratta di comportamenti inaccettabili per un prete, per un cristiano e anche per un uomo”. Prendiamo assoluta distanza da qualsiasi condivisione o giustificazione di quanto è stato vissuto. Questi comportamenti immorali sono stati ammessi di fronte a me, al Vicario generale e al tribunale Ecclesiastico in questi giorni”.
Don Contin è stato accusato e denunciato dalla sua prima amante. I carabinieri, hanno cosi avviato un’indagine e durante un blitz in canonica, hanno scoperto un armamentario di sex toys e dvd pornografici. “In questi giorni sono state tante le attestazioni di vicinanza che vorrei condividere con tutti – ha spiegato il vescovo – Tra queste una con valore particolare per me. Sabato 28 alle 18.30 mi ha telefonato Papa Francesco e mi ha incoraggiato ad essere forte nel portare avanti questo doloroso e impegnativo momento della Chiesa padovana”. La donna, che per prima ha denunciato, ha raccontato di incontri a luci rosse dove erano presenti altri uomini, anche preti provenienti da altre parrocchie. I carabinieri, in queste ore, li stanno per convocare per ascoltarli. A quanto pare, quindi, erano presenti anche altri sacerdoti. Dopo la prima donna, ne sono spuntate altre,circa sette in totale. E’ stata anche scoperta la frequentazione di luoghi dove si pratica lo scambio di coppie.

(FRANCESCA CAPIZZI)

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata