Ancora un caso di abusi nelle scuole italiane: queste volte vittima sono gli alunni di un’asilo di Bari. E intanto è in arrivo in Italia la prima rete anti-abuso del mondo, costituita da 15mila medici “sentinella”. I professionisti coinvolti saranno pediatri e medici di base specializzati nel riconoscere i segni di violenze e abusi fisici, psicologici e sessuali sui bambini. Saranno coinvolti i 13 maggiori ospedali pediatrici d’Italia.

Per la formazione dei pediatri, le fasi sono due: la prima, il “train the trainers” per la formazione di mille pediatri che, attraverso 23 corsi intensivi in tutte le Regioni, saranno “allenati” a riconoscere i segnali di difficoltà inespressi dell’infanzia e diventeranno così vere “sentinelle” del disagio dei minori. Grazie a loro circa 15mila fra medici di base e pediatri su tutto il territorio potranno essere supportati su queste tematiche costituendo la prima rete anti-abuso al mondo. I tredici ospedali pediatrici più importanti del Paese, inoltre, saranno coinvolti come sede dei corsi di formazione, ma anche come punti di riferimento dei pediatri del territorio e centri dove poter affrontare l’emergenza e la fase di recupero successiva all’intervento per proteggere i bambini dalle violenze

 

I DATI-. Ogni anno in Italia sono circa 70-80mila i minori vittime di violenze e abusi. Nel 70% dei casi, la violenza si consuma fra le mura domestiche, due volte su tre per mano di uno dei genitori. Secondo i risultati di una recente indagine di Telefono Azzurro e Doxa Kids, un ragazzino su tre teme che il proprio diritto a essere protetto da violenze e abusi non sia sufficientemente difeso e lo confermano i dati dell’attività del numero di emergenza 114 di Telefono Azzurro. Nella metà dei casi si tratta di violenze e abusi psicologici o fisici, in uno su dieci sessuali. Pochissime le piccole vittime che riescono a chiedere aiuto: uno su cinque fra coloro che subiscono abusi sessuali, uno su tre fra chi è oggetto di violenze.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata