E’ durato quattro anni l’incubo di una ragazza 26enne continuamente minacciata dall’ex ragazzo che non si rassegnava alla fine della loro storia. Una vicenda conclusa e che durava nonostante le denunce presentate alla Polizia e la misura di prevenzione del divieto di ritorno a Roma per tre anni, comminata dalla Divisione Anticrimine della Questura.

Lo stalker, romeno di 31 anni, continuava imperterrito a terrorizzare la donna facendosi trovare costantemente nella via dove lavora come badante, ed inviandole messaggi nei quali la minacciava esplicitamente di morte se non fosse tornata con lui.

La vicenda andava avanti tempo. Dal gennaio dello scorso anno, poi, era diventata ormai insostenibile quando la donna aveva deciso di mettere fine alla loro relazione, durata circa quattro anni. Da allora erano iniziati i comportamenti persecutori dell’uomo.Dopo l’ennesimo episodio, quando la donna, nel recarsi sul posto di lavoro, ha notato l’auto dell’ex parcheggiata proprio davanti al suo portone, è corsa a barricarsi in casa e ha subito deciso di rivolgersi alla Polizia di Stato.

Una pattuglia del Commissariato Villa Glori, diretto da Ermanno Baldelli, che da tempo stava seguendo la vicenda, si è recata immediatamente sul posto e, nel corso di una immediata battuta, è riuscita a localizzare l’uomo in una via limitrofa. Condotto negli Uffici del Commissariato, gli investigatori hanno controllato il suo cellulare, constatando la presenza di numerosi messaggi in cui, tra l’altro, minacciava la ex di diffondere agli amici di loro video hard. L’incubo della donna è così terminato. Il 31enne, infatti, è stato arrestato e condotto presso il carcere di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, davanti alla quale dovrà rispondere di atti persecutori e dell’inottemperanza alla misura di prevenzione.

 

 

 

 

Fonte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata